Il Mio Impegno come Candidato Consigliere Comunale – Lista Le Città

 

fronte manifestoGentile Elettrice, Gentile Elettore

 

Mi presento a Lei in veste di Candidato per le prossime elezioni amministrative Comunali del 20 e 20 settembre 2020

Mi chiamo Paolo Bonafè e nel mio trascorso professionale ho maturato varie esperienze lavorative ed amministrative, quali:

·         nell’ambito dei trasporti marittimi come ispettore navale,

·         nell’ambito portuale quale componente per molti anni della commissione raccomandatari marittimi presso la Camera di Commercio di Venezia e di Ravenna,

·         nell’ambito cantieristico e nautico da diporto come ispettore certificatore e consigliere di amministrazione di un cantiere navale,

·         nell’ambito degli acquisti e tecnico come responsabile ufficio di primarie società di navigazione,

·         nell’ambito del trasporto pubblico locale come consigliere di amministrazione di Actv e Alilaguna anni 2005/2014

·         Sono stato eletto nel 2000/2005 Consigliere Comunale e Presidente della Commissione Bilancio tributi e Patrimonio del Comune di Venezia

 

Da quando ho deciso di candidarmi ho iniziato a girare il vasto territorio comunale del Comune di Venezia, che va da Pellestrina a Malcontenta.

 

‍‍‍ Ho incontrato persone e categorie, lavoratori ed imprese colpite duramente dal Covid 19, Partite IVA che non hanno ricevuto subito gli aiuti promessi ed aziende, soprattutto quelle che vivono col turismo, in ginocchio, che sono costretti a tenera a casa collaboratori che nel tempo son diventati come di Famiglia.  Una situazione che per alcuni di loro risulta drammatica. Io stesso ho provato cosa vuol dire essere in cassa integrazione, considerandomi comunque fortunato perché la mia azienda ha potuto anticipare i soldi ai lavoratori e alle lavoratrici, rispetto a tante altre realtà aziendali che invece questo non lo hanno potuto fare, e i lavoratori hanno visto riconosciuta la cassa integrazione solo dopo alcuni mesi. Tutti però penalizzati economicamente

 

Queste persone e categorie non possono essere lasciate sole. l’Amministrazione di prossimità ha il dovere di lottare anche contro le istituzioni per il benessere dei propri cittadini. Mi sembra che questa amministrazione comunale uscente sia stata “sul pezzo” ed infatti i cittadini che ho incontrato sentono che il Sindaco non li ha lasciati soli, che ha battuto i pugni sul tavolo anche per Loro.

 

Poi girando il territorio ho visto che molte opere di pubblico interesse sono state realizzate, ma che mancano ancora quelle che sono più nelle mie corde, quelle che per la mia esperienza amministrativa e professionale sono ancora delle incompiute.

 

Parlo di un progetto chiaro, per esempio, su quale Sistema Portuale vogliamo: è impensabile mettere in crisi un settore che porta lavoro ad oltre 20.000 addetti, come è avvenuto in questi anni, ma sono consapevole della cruciale necessità di coniugare la portualità con la dimensione della sostenibilità, a tutela di questa fragilissima città d’acqua. Ora si deve avere il coraggio del fare

 

Altro tema, a me caro, riguarda la mobilità sostenibile e green: una delle mie prime proposte è quella della “rottamazione” dei motori marini più inquinanti e la limitazione, in prospettiva, nel Canal Grande alla sola mobilità ibrida ed elettrica o a remi. Non solo quindi ACTV e ALILAGUNA, ma anche tutto il mondo del trasporto merci via acqua

 

Il Comune ha già deciso di investire 1,5 milioni di euro per la rottamazione dei motori marini, necessitano più    risorse. Anche il progetto di nuovi autobus elettrici al Lido va in quella direzione. Avrei preferito, per molti motivi, autobus alimentati ad idrogeno, ma comunque anche questo è un traguardo. Si deve ampliare alla terraferma. Necessiterà ora la sistemazione di colonnine per la ricarica anche delle auto elettriche private. Però nel settore della mobilità c’è ancora molto da fare e per questo voglio dare il mio contributo

 

Le linee di navigazione sono le stesse da molti anni e non vi è, per esempio, ancora una linea diretta Lido-Tronchetto,  luogo di naturale interscambio con un PEOPLE MOVER, che per me dovrebbe arrivare fino si PILI correndo su piloni lateralmente al Ponte della Libertà e trovare ai Pili un interscambio con la SFMR che, grazie alla rete ferroviaria portuale, potrebbe arrivare fino in stazione di Mestre, all’ ospedale all’ Angelo e all’Aeroporto.  Trattasi questo di un progetto di trasporto metropolitano circolare.

Il tram, pur non avendone condiviso   disegno e modalità di realizzazione, diventerebbe parte integrante di questo progetto di mobilità. Necessita comunque la creazione di HUB infrastrutturali perché portano lavoro e sviluppo e perché permettono di raggiungere tutte le parti della città utilizzando un trasporto collettivo a scapito di quello privato. Uno di questi ai Pili e nel quadrante di Tessera

Negli anni i terminal non sono stati sviluppati ed utilizzati per una rete di collegamenti che crei flussi diversi di arrivo in città, il progetto d’insieme però sarebbe giusto per diversificare anche i flussi turistici.

Ho potuto vedere un bellissimo progetto finanziato da privati che hanno studiato un collegamento veloce tra Burano (e Murano) con Altino, in un percorso culturale ed ambientale. Sono anni che parliamo del terminal di Ca’ Noghera come porta di accesso alla città su Burano. Ecco queste sono iniziative che ritengo siano da sostenere anche in un’ottima Turistico-Culturale

Poi bisogna investire sullo sviluppo industriale green di Marghera, si deve investire sul patto industriale sull’idrogeno per la definitiva creazione dell’Hydrogen Park. A Fusina dal 2010 era in servizio la centrale a idrogeno che fu la prima a livello mondiale del settore ma che però è stata fermata nel 2018, all’indomani della chiusura del ciclo produttivo del cloro, che alimentava con i suoi scarti di produzione.

Questa grande area industriale grazie a fondi europei delle ZES può e deve ritornare ad essere polmone produttivo e creare posti di lavoro. Basta però con i siti chimici o pericolosi. Venezia deve avere un’altra vocazione industriale. È solo di un mese fà l’incendio della Azienda chimica 3 V Sigma, che ha allarmato non poco la popolazione di Malcontenta e di Venezia (a seguito della nube tossica prodottasi)

 

Tante cose ci sono ancora da fare, ma che possono essere realizzate con una visione diversa della città e su questo voglio dare il mio contributo. La messa in sicurezza della città è stata avviata, ma penso ancora che al Lido necessitino interventi di messa in sicurezza delle strade con pompe di sollevamento

 

Sul Turismo ritengo si debbano organizzare i flussi a monte, cioè nei Paesi dai quali il turismo che riteniamo più interessante, con pacchetti di offerte che vadano a stemperare nell’anno gli arrivi. Ma bisogna anche regolare l’arrivo del turista giornaliero e allora va bene il contingentamento con app e tornelli perché è l’unico strumento per “obbligare” il turista a prenotare la sua presenza a Venezia. Turismo e Cultura dovrebbero essere poi gestiti collegialmente 

 

La lista supporterà il candidato Sindaco Luigi Brugnaro, che in questi anni ha lavorato sul territorio e le opere realizzate sono ben visibili. Io porterò a supporto del mio impegno i temi che appunto hanno contraddistinto da sempre il mio impegno sociale quali: Welfare, Lavoro/Occupazione, Sicurezza, Mobilità, Trasporti, Portualità, Cultura, Turismo, Tutela Ambientale e Green Economy.  Siamo in tanti, abbiamo idee e siamo motivati ma abbiamo bisogno del contributo dei più, e quindi anche del Suo, perché ognuno porta con sè un bagaglio di esperienze, di talenti e di saperi.

 

Il bello di incontrare le persone in campagna elettorale è anche questo, l’accrescimento reciproco

Sono ovviamente aperto a consigli, commenti e spunti programmatici perché insieme possiamo costruire il futuro di questo territorio e lasciarlo migliore per le nuove generazioni.

 

I miei recapiti sono: cellulare +39 348 9090274, mail: bonafe.paolo@gmail.com e web: www.paolobonafe.it

 

 

Questo territorio è nostro, dei cittadini – Insieme costruiamone il Futuro

volantino2retro volantino