ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI LIVORNO - DOMENICA 26 MAGGIO 2019

 

Oggi è giornata destinata agli ultimi appelli al voto, per chi convinto e sa chi votare spero che abbia letto il nostro programma e visto i nostri post e video ed abbia deciso di votarci ( se così non fosse comunque VIVA LA DEMOCRAZIA) 

 

Se invece molti di voi saranno saturi dei vari messaggi e magari ancora non sapranno cosa votare ( e penso sarete ancora tanti)

 

agli indecisi insomma , 

 

posso solo chiedere di fare una valutazione oggettiva sulla loro Livorno e capire se per loro è diventata una città migliore o peggiore, rispetto ai 5 anni di governo penta stellato di Nogarin ( ma anche per gli anni prima)

 

Se riterranno che a Livorno non si sta meglio per svariati motivi, quali :

 

-  perché stanno chiudendo i negozi in centro e non si è fatto leva sulla tassazione per tenerli aperti

 

- perché anche a Livorno ci sentiamo meno sicuri soprattutto nelle zone più degradate

 

- perché non esiste un piano di mobilità per le persone diversamente abili e per gli ipovedenti 

 

- perché si fanno pagare i parcheggi senza offrire nulla in cambio, neppure sconti per coloro che fanno acquisti in centro

 

- perché non vi è nessun beneficio economico per le imprese, per i commercianti e per i cittadini dal porto e dai turisti che vengono sbarcati ogni giorno se non subire l’inquinamento degli scarichi di PM10 delle navi ; 

 

- perché il decoro della città è ai minimi termini ( vedi sacchi di immondizia accatastati in via grande )

 

- perché gli autobus che circolano in città sono ancora quelli Diesel e vecchi ; 

 

- perché non vi sono piste ciclabili o servizi di bike sharing o Car sharing che servono per ridurre l’uso dell auto in città 

 

- perché non sempre le rotatorie servono e devono essere funzionali

 

- perché non vi sono stati investimenti in nuovi impianti sportivi 

 

- perché non sono stati creati incubatori recuperando immobili dismesso ( vedi terme del Corallo ) per fare mostre permanenti di arte antica e moderna, degli artisti famosi livornesi (I Macchiaioli, Modigliani) 

 

- perché non è stato fatto nulla per mettere in rete le bellezze architettoniche ed artistiche che può offrire Livorno per i cittadini e per i turisti 

 

E per tanto altro che tu sai... 

 

Ecco,

 

se dopo una analisi completa e magari riflettendo sugli spunti dati, RITIENI DI NON ESSERE SODDISFATTO, allora devi andare a votare e VOTARE IL CAMBIAMENTO 

 

Noi della PerLivorno Insieme Lista Civica con Candidato Barbara La Barbara la Comba abbiamo speso anni per creare un programma condiviso, abbiamo ascoltato i cittadini, le associazioni, le categorie di settore, i gruppi spontanei e alla fine abbiamo predisposto un programma che vuole invertire la lenta decadenza in cui sta cadendo Livorno 

 

Innanzi tutto noi AMIAMO questa città e vogliamo solo che grazie ad idee nuove, nuova imprenditoria, questa città torni ad avere un ruolo primario in Toscana ma anche in Italia. Diventare laboratorio di idee e di iniziative.

 

Io come Candidato al consiglio comunale ho cercato di dare il mio contributo alla lista e a Barbara La Comba in saperi ed esperienze anche amministrative fatte in altra città 

 

Allo scopo mi sono segnato un mio personale impegno che ti sottoscrivo se vorrai darmi la tua fiducia col voto.

 

Noi vogliamo una Livorno migliore e non esiste il voto utile, tanto sbandierato da chi forse non riesce a vedere lontano, ma il VOTO CONSAPEVOLE per il CAMBIAMENTO 

 

Ecco noi siamo una Lista votata al cambiamento, io personalmente mi sento un innovatore

 

Per questo chiedo con forza e convinzione il tuo voto

Il 26 maggio prendi la scheda azzurra , guarda sulla sinistra, trovi appena sotto il simbolo di Per Livorno Insieme ( ha come colore base l’Amaranto) e metti Un croce sul simbolo e scrivi BONAFE 

 

GRAZIE per qualunque scelta vorrai fare 

 

Paolo Bonafè

www.paolobonafe.it

 

Di seguito di enuncio il mio  programma e quindi impegno per Livorno, che sottoscrivo se vorrai darmi la TUA fiducia con il TUO voto di domenica 26 maggio ( e magari parlare di me anche ai tuoi amici e contatti inoltrando questo messaggio / post) 

 

 

 

- Prima azione di governo che richiederò sarà quella di creare un ufficio per i rapporti con la Commissione Europea e il Parlamento Europeo, ovvero un ufficio che lavori a stretto contatto con la Unioncamere di Livorno e Grosseto e con l’ ufficio della Regione Toscana (già presente a Bruxelles), per presentare progetti, paternariati e collaborazioni tra enti e amministrazioni in un ottica di area vasta ( unico sistema concepito per poter attingere a questi contributi) allo scopo di ottenere soldi per:

 a) imprese:  in ordine ad una possibile mitigazione degli interessi sui prestiti e alla detassazione per le aree più disagiate o di crisi. Si possono attingere per questo ai fondi previsti per le Zone Economiche Urbane e per le Zone Franche. Vanno individuate in aree e territori dove si è sentita maggiormente la crisi di questi anni;

 b) commercio : con la detassazione  per le aree produttive del centro;

 C)scuola, intesa come formazione del personale - Erasmus),

 d) sport : intesi come interventi e finanziamenti per la creazione e ristrutturazione di  impianti sportivi, questo per incorrere nella richiesta delle giovani generazioni 

 e) infrastrutture portuali e viarie:  ovvero la ricerca di finanziamenti europei per la creazione, in sinergia con altre città, di un AREA VASTA o ZONA FRANCA ( che come detto è prevista dalle normative europee , dove poter attingere e far confluire sgravi fiscali e finanziamenti europei mirati all’impresa e agli enti pubblici.  

 La mia proposta forte è la creazione di un HUB ovvero snodo infrastrutturale che si sviluppi  in ambito della Provincia di Livorno ( si parla di migliaia di porti di lavoro),  per sfruttare anche la E Commerce e dove si possa realizzare  un interscambio per le merci e le persone, utilizzando:

 - il Porto di Livorno e i porti della dorsale Tirrenica, fino a Genova, così da intervenire nel progetto commerciale denominato Via della Seta e nei relativi collegamenti commerciali che si andranno a realizzare con la Cina e con L’Oriente. 

Livorno col suo porto non può essere esclusa da questo importante progetto commerciale e di sviluppo. Deve fare massa critica con i porti delle città marittime della dorsale dell’alto Tirreno; 

 - l’Aeroporto di Pisa, 

 - la Rete RFI ovvero la rete infrastrutturale ferroviaria è quella portuale;

 f) mobilità sostenibile: ovvero il  diritto alla mobilità per le persone Diversamente Abili, il Byke Sharing, il Car Sharing e tutte quelle iniziative che servono  per la riduzione del traffico cittadino e per la diminuzione dell’inquinamento della città. A questo si deve aggiungere   il progetto che ci deve vedere coinvolti nel  programma di sostituzione programmata del parco mezzi pubblici, con autobus elettrici o alimentati da energia green

 g)Commercio ed attività produttive: si deve agire sulla leva fiscale e tributaria (vedi la TARI) per diminuire le tasse che gravano sulle  attività commerciali del centro,  agevolando in primis i negozi di vicinato ( dove si vendono beni di prima esigenza) e per le attività di ristorazione. 

Si deve incentivare a far venire a fare acquisti in centro i Livornesi , puntando sulla introduzione di tariffe orarie agevolate per i parcheggi del centro (se si dimostra che si fanno acquisti presso i negozi del centro si paga meno o non si paga). Tutto questo per mantenere aperte le attività commerciali e per incentivare gli acquisti in città rispetto ai centri commerciali (poi la loro parte la dovranno fare anche i commercianti sulla leva prezzi). Può essere utile, come fatto in altre città, di  predisporre un serie di parcheggi scambiatori ad anello, il cui costo di parcheggio aumenti, come un onda propagata sull’ acqua, più ci si avvicina al centro città, creando un servizio di collegamenti navetta con mezzi pubblici

h)  Sicurezza : per quanto concerne la Sicurezza del territorio oltre alla istituzione del vigile di quartiere si deve pensare anche alla creazione di un numero verde gratuito dove i cittadini possano  comunicare , a qualsiasi ora, eventuali situazioni di pericolo, per attivare un pronto intervento della Polizia Municipale. 

Si deve pensare alla creazione di reti di controllo per le aree più periferiche grazie alla creazione di un tavolo di coordinamento delle varie forze  di polizia perché si coordino ed intensifichino i controlli soprattutto nelle ore notturne. Fermo restando che la rigenerazione urbana di luoghi ora chiusi (come il riuso e la ristrutturazione di spazi ed aree attualmente chiusi, trasformandoli in  incubatori per mostre, attività culturali, artistiche e Musicali) che sono ora ricettacolo di sbandati possa, unitamente alla permanenza in attività dei negozi ( luci delle vetrine accese) fare da deterrente e dare la percezione al cittadino di ambiente sicuro

 i) TURISMO CROCIERISTICO: necessita l’avvio di un nuovo rapporto tra Amministrazione Comunale e Compagnie di Navigazione per creare pacchetti di servizi che la città può offrire ai turisti chi sbarcano in città, per farli restare su Livorno invece che venire dirtottati da Tour Operator  su Siena, Pisa o Firenze - per fare questo necessita la messa in rete di tutte le offerte culturali, museali e di promozione turistica che offre Livorno, potenziando e valorizzando quanto attualmente esiste, con la creazione ed istituzione di una Card Livorno, ovvero una card contactless, che permetta l’accesso ad una serie di offerte, in primis culturali (accesso ai musei cittadini, alle chiese in accordo con la Curia, alle mostre) ma anche relativamente alla mobilità cittadina, permettendo anche ai turisti di poter usare i mezzi Pubblici perché informati preventivamente sulle linee e sull offerta di mobilità che offre la città, e grazie alla incentivazione all uso dei mezzi pubblici tramite una tariffazione che vede premiata la scelta di comprare abbonamenti per più giorni ( come avviene anche nelle altre città turistiche)

 Questa card deve essere utilizzabile anche dai cittadini di Livorno per poter accedere ai servizi che il Comune istituirà;  

 Card che si può ricaricare tramite la rete degli  istituti bancari . 

 Ovviamente questo è un progetto da realizzarsi  progressivamente, prendendo esempio delle migliori attuazioni in uso

 l) ASSESSORATO AL TURISMO, ALLE TRADIZIONI E RIEVOCAZIONI STORICHE E DECORO: si deve pensare alla creazione di un assessorato nel quale far convogliare  i referati legati al turismo,  alle tradizioni e rievocazioni storiche e al decoro urbano. Lo scempio dei sacchi di immondizia su Via Grande non si deve più vedere. Questo assessorato  deve gestire l’iniziativa che abbiamo lanciato con l’hastag  #EnjoyRespectLivorno,   creando una cabina di regia con gli altri assessorati al Personale / Polizia Urbana, alle Società Partecipate e alla Cultura, per tenere sotto controllo il problema agendo anche sulla leva delle sanzioni 

 Questo assessorato poi dovrà creare un tavolo di concertazione con le varie cooperative, società ed uffici comunali, enti ed istituzioni, tour operator e  guide turistiche  per formare un offerta completa e uniforme per il Turista ma anche per i cittadini di Livorno, pubblicando guide ed implementando la sopra detta CARD LIVORNO.

 Mettere insomma in rete tutta l’offerta Culturale e turistica che offre la citta

 m)  TRASPARENZA della MACCHINA COMUNALE : Creare una rete wireless pubblica dove il Comune diventa Trasparente e offra informazioni chiare ai cittadini, rivedere il sito del Comune; Riorganizzazione della macchina comunale con il riconoscimento e la valorizzazione delle figure professionali presenti; Creazione di uno sportello al cittadino sull’esempio degli URP (uffici di ricevimento al pubblico),  dove chi necessita di qualsiasi pratica , da quella di rilascio di licenze edilizie /  urbanistiche a quella di rilascio delle licenze commerciali, trovi rispondenza in un solo sportello,  senza dover peregrinare tra i vari uffici, con risposte e rilascio certificazioni in tempi certi 

 

n) PORTO ED ATTIVITA’ PRODUTTIVE: Necessita creare un Assessorato che si interessi di PORTO, INDUSTRIA ed ATTIVITA’ PRODUTTIVE che crei un tavolo permanente di concertazione e dialogo con le categorie, con le imprese industriali ( tra le quali le imprese che operano in porto come officine meccaniche, elettriche, Provveditorie, ditte specializzate ), con le imprese commerciali e quelle legate alle cantieristica navale e nautica. 

 Si deve puntare sul rilancio del Bacino di Carenaggio, riorganizzando gli ormeggi delle imbarcazioni da diporto private ( con magari l’obbiettivo di organizzare un salone nautico anche su Livorno,  visto i tanti cantieri di costruzione presenti e magari pensare di organizzare anche manifestazioni quali regate nazionali od internazionali) 

 Insomma noi vogliamo che il  Comune debba  pretendere di diventare protagonista e nuovo motore  nei confronti di tutti i soggetti che operano nel porto e per i porto. A partire  dalla Società Port 2000, dai Terminalisti Portuali e dalle Compagnie ed imprese portuali. Lo si può fare innanzitutto diventando protagonisti nel voler intervenire nella stesura di un nuovo piano urbanistico portuale che preveda investimenti, ma anche una migliore messa in sicurezza delle aree e di un nuovo sviluppo commerciale. Bisogna puntare sulla Elettrificazione delle Banchine. Livorno entro 10 anni deve vedere una riduzione importante dell’inquinamento da PM10 causato dai fumi dalle navi 

 o TRASPORTI PUBBLICI: a Livorno si deve puntare sul cambio graduale del parco mezzi pubblici, puntando su autobus elettrici, utilizzando i fondi previsti per la rottamazione, rivedendo mezzi e linee, combattendo anche  l’evasione tariffaria. Si deve creare un servizio di trasporto metropolitano efficace e capillare per incentivare l’uso del mezzo pubblico rispetto all’uso dell’auto. 

 - auto =  - smog = - PM10 = + Salute per tutti 

 p) PIANO DEL TRAFFICO E DELLA MOBILITA’: si deve pensare ad un nuovo piano del traffico e della mobilità puntando su Piste Ciclabili, parcheggi rosa e parcheggi per diversamente abili. Si deve puntare sulla mobilità a due ruote, puntando sul Bike sharing ( bici a noleggio del Comune) e Car Sharing ( auto a noleggio del comune, possibilmente a basso impatto ambientale se non elettriche, con la creazione di piazzole di ricarica)

 q)  DISABILITA’ E DIRITTO ALLA MOBILITA’ PER TUTTI: si deve puntare sulla creazione di un PEBA, ovvero Piano Eliminazione Barriere Architettoniche, per rendere la città a dimensione ed uso delle persone diversamente abili, abilitando tutti i mezzi pubblici di un ricevitore di segnalazione di chiamata in fermata, che riceva, tramite il premere un pulsante, l’avviso di presenza in fermata di un disabile così che l’autista si possa organizzare (necessita però che tutti i mezzi siano dotati di pedana idraulica) 

 Questo è ovviamente un progetto ambizioso ma questa città ha bisogno di ripensare al proprio futuro per poter lasciare alle generazioni future un città migliore di quella che abbiamo trovato.

 Se darete forze e gambe col vostro voto a Barbara la Comba e alla nostra PerLivorno Insieme Lista Civica noi vi promettiamo massimo impegno e gin da subito di metterci “pancia a terra” a lavorare per questa città che amiamo.

 

Dateci forza e fiducia e noi la ripagheremo!!!

 

Paolo Bonafe Candidato Consigliere Comunale per La Lista civica Per Livorno Insieme – Candidato Sindaco Barbara La Comba


Ultimi articoli di stampa

Da Il Gazzettino del 10/05/2018

Da Il Gazzettino del 20/04/2015

Da Il Gazzettino del 02/01/2015

Da Il Gazzettino del 07/12/2014

Da Il Gazzettino del 30/11/2014

Da La Nuova Venezia del 29/11/2014

Da La Nuova Venezia del 21/11/2014

Da il Gazzettino del 15/11/2014

Da La Nuova Venezia del 07/11/2014

Da Il Gazzettino del 21/10/2014

Da La Nuova Venezia del 05/10/2014

Da Il Gazzettino del 02/10/2014